Sign In

E-commerce di vicinato: uno strumento veloce e funzionale da aprire

Finalmente il Governo ci ha visto giusto e ha ampliato la portata del Decreto introdotto il 31 marzo 1998 numero 114 che consente di aprire un esercizio di vicinato, semplificando tutte le formalità connesse. Questo significa che oggi aprire un e-commerce ha un costo minimo e pochissima
burocrazia da rispettare, con percentuali di lavoro decisamente più alte rispetto alla sola apertura fisica.

Infatti, mentre il decreto emanato dal Governo aveva inizialmente a oggetto negozi per la vendita di
prodotti alimentari, oggi il business si è ampliato, comprendendo, ad esempio, servizi di natura
professionale come legali, medici, commercialisti e insegnanti di ogni disciplina, che in tempi
ristretti risolvono quesiti, inoltrano pratiche e svolgono lezioni semplificando la vita di noi utenti.

Merito del Governo è stato quello di intervenire con politiche fiscali ed economiche di settore, introducendo anche il regime forfettario per le microimprese. Ma non solo, con la liberalizzazione introdotta dal decreto Bersani n. 114 del 31 marzo 1998 non è più necessario chiedere
autorizzazioni al Comune se il negozio ha una superficie che non supera i 250 mq, mentre se il Comune ha un numero di abitanti inferiore ai 10.000 abitanti, l’ampiezza del negozio deve avere una superficie massima di 150 mq